Posted on

La sfida del Fintech al mondo creditizio tradizionale si fa sempre più serrata

Per il credito tradizionale non è un buon momento. Se da un lato la situazione economica induce le finanziarie ad un surplus di prudenza per non ricadere nella spirale dei crediti insoluti che ha zavorrato il settore nel corso degli anni che hanno fatto seguito alla crisi scoppiata nel 2008, dall’altro va messa in rilievo la clamorosa avanzata del Fintech, ovvero del credito online.

L’utilizzo dei mezzi tecnologici di ultima generazione, infatti, sta calamitando il gradimento di un numero sempre più elevato di consumatori in ogni parte del globo. L’estensione del piatto che ne risulta, ha così convinto aziende come Facebook, Amazon, Alibaba e altre, che proprio dal web traggono la loro forza, a farsi protagoniste nel settore dei prestiti, approfittando anche della lentezza di reazione di un mondo, come quello del credito tradizionale, che non riesce a scrollarsi

Posted on

 L’Italia continua ad invecchiare

I dati che continuano ad arrivare, attestano inesorabilmente il declino dell’Italia, anche da un punto di vista anagrafico. Il nostro Paese, infatti, è ormai il più vecchio del mondo se si fa eccezione per il Giappone. Ad aggravare ulteriormente il quadro hanno concorso nove anni consecutivi, quelli sino al 2018, ultimo anno preso in considerazione, in cui le nascite lungo la penisola sono state inferiori ai decessi, alzando ulteriormente l’età media. Un trend che peraltro si è anche inasprito nel 2018, quando le nascite sono state inferiori del 2% rispetto a quelle dell’anno precedente, stabilendo un nuovo record di denatalità.

Una serie di dati che spingono molti analisti a riesumare il titolo di un film del recente passato, affermando che l’Italia non è un Paese per giovani. Non lo è perché le scelte della politica sembrano

Posted on

Quanto costa la cambiale utilizzata nei prestiti?

Il prestito cambializzato è una delle formule adottate dal sistema creditizio, almeno quella parte di esso specializzata in questo particolare finanziamento, per interagire con una massa sempre più larga di persone che altrimenti troverebbero difficoltà a reperire liquidità aggiuntiva. 

In pratica la cambiale, che ha la forza di un titolo esecutivo, va a prendere il posto della rata mensile e il richiedente deve mettere in pegno un bene di sua proprietà su cui l’ente erogante potrà rifarsi all’istante in caso di mancato rispetto del piano di rientro concordato a livello contrattuale.

Chi vuole provare con questa formula, quindi, la prima domanda che dovrebbe senz’altro porsi, prima di firmare il contratto, è la seguente: quanto costa la cambiale? Una domanda secca che prevede però una risposta articolata.

Il dato da cui occorre partire è che la cambiale deve essere in

Posted on

Conti correnti, si intensifica la lotta all’evasione fiscale

Da quest’anno, per effetto del via libera da parte del Ministero del Tesoro, i controlli sui conti correnti diventeranno molto più efficaci e frequenti, con l’evidente intento di provare ad abbassare il tasso di evasione fiscale che continua ad essere troppo alto nel nostro Paese.

In particolare il protocollo d’intesa tra l’Agenzia delle Entrate e la Guardia di Finanza prevede l’utilizzo di un nuovo algoritmo al quale è delegato il compito di valutare le entrate sul conto rapportandolo alle uscite, in particolare quelle utilizzate al fine di fare acquisti di rilievo. Ove il software dovesse rilevare delle anomalie, scatterà la fase che prevede ricerche e analisi più approfondite, per cercare di capire se i proventi derivino dal lavoro nero o abbiano altre giustificazioni.

Si tratta di una notizia che magari non farà piacere a chi detiene un conto corrente

Posted on

Mutui a tasso agevolato per i disabili

Il momento sembra il migliore possibile per contrarre mutui tesi all’acquisizione di una casa. La concatenazione di fattori come i tassi di interesse molto contenuti e la continua discesa dei prezzi immobiliari nel corso degli ultimi anni hanno infatti creato le condizioni per poter coronare il sogno di avere una casa di proprietà, coltivato soprattutto dalle giovani coppie.

Prima di optare per un mutuo, però, si consiglia di esaminare con attenzione non solo il mercato, magari utilizzando un comparatore per mettere a confronto le varie soluzioni proposte dal sistema bancario, ma anche tutto quello che ha a che fare coi mutui, magari consultando un sito online come sceltamutuionline.it. che offre agli utenti una notevole mole di informazioni le quali possono rendere più facile orientarsi in una scelta che può pesare in maniera molto rilevante sul futuro

Posted on

 Il credito su pegno conviene?

Per i protestati ottenere credito è notoriamente difficile, in quanto si tratta una categoria che manca di un requisito fondamentale per le aziende che offrono prestiti, ovvero il merito creditizio. Una lacuna che però può essere bypassata, grazie ad una serie di prodotti varati appositamente per contemperare le differenti esigenze di società e consumatori che in questo caso tendono a divaricarsi in maniera molto significativa.

Tra le proposte messe in campo dalle finanziarie per andare incontro ai protestati c’è anche il credito su pegno. Andiamo dunque a vedere più da vicino di cosa si tratti.

 

Cos’è il credito su pegno?

 

Se i beni immobili rappresentano la miglior garanzia reale che un richiedente può offrire per poter accedere ad un finanziamento, va anche sottolineato come ne esistano di altro genere in grado di poter spianare la strada